lunedì 2 settembre 2019

Dare voce a Camilleri


Ho avuto il grande privilegio di dare voce a Camilleri in presenza di Camilleri, nella sua Porto Empedocle, nella mia Agrigento e a Grotte. Un piacere e una tachicardica responsabilità. Leggere pensando al giudizio dell’autore, a cui ti sostituisci, interpretandone pure le sfumature e i significati nascosti oltre che il sentimento, ti mette agitazione. 

L’ultima volta di letture di Camilleri con Camilleri me la ricorda - perché non ci pensavo più, la vecchiaia avanza! - Egidio Terrana, direttore di Malgrado Tutto e presentatore della XV edizione del premio “Racalmare - Leonardo Sciascia”. Siamo a Grotte, al cine-teatro “Marconi” poi intitolato ad Antonio Liotta. È il 19 gennaio 2003.  Amministra il Comune, e promuove il Racalmare, il commissario Antonino La Mattina. I premi sono assegnati alla giornalista del Corriere della Sera, alla memoria, Maria Grazia Cutuli, allo scrittore Gaetano Savatteri e a lui, al maestro Andrea Camilleri. “In quell’occasione - mi ricorda Egidio - l’organizzazione ti ha chiamato per leggere alcune pagine delle sue opere. Sotto, come commento musicale, avevi il violino di Luigi Amico”.


Egidio Terrana ritorna a presentare la trentesima edizione del “Racalmare”, con la presidenza della giuria affidata a Salvatore Ferlita e con sindaco al Comune di Grotte Alfonso Provvidenza. Ad aprire l’evento - questa volta lo ricordo bene perché ancora mi vibra l’emozione - hanno chiamato la stessa voce che nel 2003 ha dato voce ad Andrea Camilleri, ma questa volta in sua assenza. Un sentito omaggio che per i posteri annotiamo come avvenuto sabato 31 agosto 2019. 

Ma ci sono state altre occasioni di letture camilleriane con Andrea Camilleri presente. 

Faccio anche io un esercizio di memoria (il maestro ci ha scritto un libro!). Scrivere aiuta a recuperare pezzi di vita vissuta e a unire vari momenti che messi assieme hanno un senso in una storia ben più ampia con dentro altre persone e fior di artisti. 

La mia prima volta è stata ad Agrigento, nel 1996, nella grande sala del Circolo “Empedocleo”, in una rassegna di incontri con l’autore organizzati dall’allora vicesindaco e assessore alla Cultura e scrittore Enzo Lauretta.A presentare Andrea Camilleri, Lauretta chiama un amico (e non solo) del maestro di Vigata: Enzo Alessi. 

La seconda volta è stata alla Marina, nella sua Porto Empedocle, nel luglio del 2000, in occasione di un appuntamento del Caffè Letterario itinerante promosso dall’allora attiva Provincia Regionale di Agrigento. C’era Andrea Camilleri e il giornalista Marcello Sorgi autore per Sellerio di un libro-intervista. 

Ci sono state altre occasioni, senza la presenza di Andrea Camilleri e ce ne saranno altre. A Sciacca, il 6 settembre 2019, giorno della sua nascita, in un’iniziativa corale, a più voci, lui sarà presente, lo so. Sarà lui a raccontarsi, dopo avere dettato il testo. 

Raimondo Moncada 


La prima foto è un fermo immagine  di un filmato sulla messinscena di Tiresia.

La seconda immagine è stata scattata il 31 agosto 2019 a Grotte dal fotografo Angelo Pitrone 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...