martedì 7 febbraio 2017

La Via, mezzo secolo di copie in tutto il mondo



Ha oltrepassato il traguardo del mezzo secolo di vita. Un record per un giornale di frontiera. Il primo numero è uscito nell’agosto del 1966. Da allora non si è fermato, mantenendo la forza, il carattere, l’identità, lo scopo originale. Negli anni, ha aumentato il numero dei lettori e la diffusione. Viene spedito in tutto il mondo con posta tradizionale e con innovativa email, rispettando il format iniziale: il foglio ciclostile. Stiamo parlando de “La Via”, con sede a Ribera.
Me ne parlato a telefono, per la prima volta, il direttore di Malgrado Tutto Egidio Terrana, a cui da anni puntualmente arriva ogni mese. Incuriosito mi metto sulle tracce del direttore responsabile, Gerlando Lentini. Il cognome mi richiama Favara, ma lui è nato ed abita a Ribera. Chiedo aiuto all’amico e collega Salvatore Castelli. Mi dice di conoscerlo e si ricorda pure a memoria il numero di telefono. Decidiamo di andarci. Non telefoniamo prima per annunciare la nostra visita. Bussiamo, a metà mattinata, al citofono di casa. Ci apre e ci fa entrare in una stanza-studio traboccante di immagini e testi sacri. Ci sono anche monografie su personaggi religiosi, e non solo, di cui è autore lo stesso Gerlando Lentini. Ci riceve in abito talare. È un prete. Dopo il seminario ad Agrigento, è stato ordinato “sacerdote diocesano” nel 1941, all’età di 22 anni. Ora ne ha 87. Ci fa accomodare. Stava scrivendo, su un computer portatile dove imposta e prepara La Via. Prima li scriveva su una vecchia macchina da scrivere, una Lettera 22, e li stampava con un ciclostile. Poi è arrivata la modernizzazione, e ha fatto ricorso alle rotative di una tipografia, ma rispettando sempre il formato: fogli A4 spillati in un angolo.
Il cognome Lentini – ho conferma – è di Favara. L’intuizione era giusta. La sua famiglia è di Favara. Il padre di don Gerlando, Raimondo, era scultore, scalpellino, artista, poeta, “che studiò letteratura e architettura”, e che giovanissimo venne chiamato a Ribera per realizzare il campanile della Chiesa Madre. Poi ha messo radici, chiamato a Ribera e in tutto il circondario per altri apprezzati lavori.
Don Gerlando Lentini è nato nella terra di adozione del papà. Qui cresce fino alla vocazione: “Ho voluto farmi prete per celebrare messa, per l’Eucarestia”.  Si fa prete, insegna al seminario, ma ha sempre avuto la passione per la scrittura, per la ricerca, per la saggistica, per la storia. È autore, mi dice, di una settantina di pubblicazioni che non ha mai presentato in pubbliche occasioni perché non ama la visibilità, non ama apparire. Ed è per tale ragione che tengo da parte la macchina fotografica.  
Me ne fa vedere una, un libro pubblicato con l’editore Gribaudi. È un saggio sulla vita di don Lorenzo Milani “Servo di Dio e di nesusn altro”.  Mi parla della genesi dell’opera, degli incontri a Firenze con la mamma di don Milani. Ne esalta la figura, di un prete vero. 


E “Prete” è il titolo dell’editoriale in prima pagina a sua firma che apre l’ultimo numero de “La Via”, il primo del 2017. Me ne fa dono, assieme agli ultimi numeri del 2016 e a tutta la collezione del giornale, raccolta in digitale in un Cd Rom. In copertina il nome della testata e la specificazione “Mensile di Cultura”. Il periodico non nasce a Ribera ma a Favara. Scopro l’origine cliccando sul primo file del Cd-Rom. Aprendo il primo numero, uscito nell’agosto del 1966, si legge: “Redazione presso Collegio di Maria – Favara (Agrigento)”. Nasce – apprendo poi –
dagli ambienti di Azione Cattolica e viene firmato da un gruppo di insegnanti. Sempre sulla prima pagina del primo numero si legge anche a chi è rivolto “Ai professionisti di Favara”. Accanto alla testata i nomi dei primi collaboratori: “A cura di: Lillo Arancio, Totò Capodici, Anna Contino, Gerlando Lntini, Carmela Salamone e Lia Sorce”.  In prima pagina la “Presentazione” del giornale con espresso “lo scopo di questi fogli ciclostilati: vincere le tenebre del male con l’aiuto reciproco, esortandoci vicendevolmente, illuminandoci gli uni gli altri sui problemi dello spirito”. E poi continua: “Chi scriverà la Via? La collaborazione è aperta a tutti, a chiunque ha qualcosa da dire ad edificazione dei fratelli. Accoglierà anche articoli di critica? Certo; ma a una sola condizione: che la critica non demolisca per fare il deserto, ma per costruire qualcosa di più bello. Quali argomenti? Tutti quelli che possano contribuire a un potenziamento dei valori dello spirito”.  

Da quei quattro fogli ciclostilati del 1966 (non ero ancora nato), si è passati ai dieci dell’ultimo numero, ben curato, e sempre a più firme. Il giornale si apre con l’editoriale di padre Gerlando Lentini che cura anche la seguitissima rubrica di “Lettere al Direttore”, con lettori che scrivono da più parti: Roma, Partanna, Milano, Palermo, Agrigento.
L’iniziativa editoriale, è riportato a piè dell’ultima pagina “non ha alcuno scopo economico, ma solo quello di fare disinteressatamente un servizio culturale a tutti quelli che l’accettano”. A Ribera sono in 500 a riceverne copia, nel resto dei Comuni siciliani se ne distribuiscono altre 500 copie. Poi oltrepassiamo lo Stretto di Messina, con “La Via” che prende la strada dei cinque continenti. Arriviamo a quota 2.000 copie stampate. Da tanti paesi arrivano offerte libere, di cuore, a sostegno del giornale. Nel bilancio consuntivo 2016, pubblicato nel primo numero del 2017, si leggono i nomi dei recenti sostenitori e la loro provenienza: Mondrone, Okara, Sciacca, Ribera, Garbagnate, Favara, Palma di Montechiaro, Partanna, Agrigento, Maro, Trapani, Campobello di Licata, Torino, Realmonte, San Cataldo, Palermo, Milano, Aragona, Birmingham, Cagliari, Marsala.
Don Gerlando Lentini ne è stato sempre alla direzione. Un giornale che rispecchia, coerentemente, il suo modo di intendere la missione del prete, la sua visione della vita, il ruolo della Chiesa Cattolica, l’essere e il vivere da veri e buoni cristiani.
Gli chiedo come è nata questa sua vocazione per la scrittura? Mi risponde in modo chiaro e deciso: “Faccio il prete, e siccome la Parola si fa scrivere la scrivo”.

Raimondo Moncada

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...