domenica 28 giugno 2015

Pirandello e l'anniversario della nascita senza torta



RITORNO 
In una terra d'azzurre argille, 
di mentastro, di salvie profumata, 
nacqui e, nacquendo, non mi annacquai pel mondo immenso e vano.
E tanto o fiorellini schivi, tra l'erma siepe, tanto ho camminato, 
per ricondurmi a voi coi calli e stanco.
Luigi Pirandello

P.S.
Luvì, perdonami, se ho distrutto il tuo Ritorno e, a chiusura della poesia, ho inserito finanche la tua firma. Ma era solo per rivolgerti i miei personalissimi auguri. 
A modo mio. 
Ho provato a chiamarti. A telefono non mi hai risposto. Te li scrivo sul blog e su Facebook.
Ci vediamo, quando ritorno, nella tua casa romita.
So che oggi ti festeggiano. Senza torta, perché tutte le candeline non ci andavano e avrebbero distrutto il dolce.
Ti troverò, come sempre, nella tua immensità. Di Luigi Pirandello - non ti esaltare però - ne è nato solo uno: Tu. E nella mi natia terra. 
Giurgintani semu!
Ricordati di quella cosa...
Ancora auguri, per l'anniversario della tua nascita. 

Raimondo Moncada
www.raimondomoncada.blogspot.it

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...