giovedì 17 novembre 2011

A "Ti tocca" tocca la rivista "Centonove"


Il settimanale siciliano di politica e cultura "Centonove"

Ti tocca anche se ti tocchi” fa ridere la rivista “Centonove”, settimanale siciliano di politica, cultura e economia.  Il libro, scritto a due mani da Raimondo Moncada per la Csa Editrice, apre uno speciale di due pagine della rubrica “Poster Società” del numero 41 del 28 ottobre 2011. La curatrice è la giornalista Chiara Miccoli. Il titolo dello speciale è “La morte che fa ridere”. Nel Sommario viene scritto: “Boom di vendite per il libro di Moncada ‘Ti tocca anche se ti tocchi’. Un modo per esorcizzare la paura che prende piede tra comici, intellettuali e gente comune. Che aiuta ad allungare la vita”. 

La giornalista riferisce una teoria della ricercatrice Katie Watson della Northwestern University dell’Illinois secondo cui ridere anche della morte allunga la vita. “Lo sa bene – scrive Chiara Miccoli – lo scrittore Raimondo Moncada che risolve la polemica tra i sostenitori delle tradizioni locali e i fautori delle nuove tendenze con un sorriso. In ‘Ti tocca anche se ti tocchi’ costruisce un’esilarante satira su un evento che coinvolge indistintamente tutti, descrivendo in toni ironici e talvolta sarcastici il prima, durante e dopo delle onoranze funebri. Vuoi per goffaggine, vuoi per ipocrisia, di concetti ‘morti’ ed espressioni talmente ‘infelici’ da suscitare un’irrefrenabile ilarità, durante i funerali se ne sentonoin quantità, e lo scrittore agrigentino non se ne lascia sfuggire uno. Cosa c’è di più comico del dire ai familiari di una persona morta per il diabete: ‘Che vita amara che ha avuto?’ oppure: ‘Quanto ci mancherà la sua dolcezza!’” 
Nelle stesse pagine si parla di Giovanni Verga, di Rosario Fiorello, delle scrittrici Elvira Seminara e Dorothy Parker, del comico Sasà Selvaggio. 

martedì 8 novembre 2011

Speciale Centonove per Ti tocca anche se ti tocchi


“Ti tocca anche se ti tocchi” sulla rivista siciliana “Centonove”, settimanale di politica, cultura e Economia edito a Messina.  Il libro, pubblicato nel 2009 dalla Csa Editrice, è il protagonista della rubrica “Poster Società” del numero 41 uscito il 28 ottobre 2011, curata dalla giornalista Chiara Miccoli. Il titolo è “La morte che fa ridere”. Nel sommario si legge: “Boom di vendite per il libro di Raimondo Moncada ‘Ti tocca anche se ti tocchi’. Un modo per esorcizzare la paura che prende piede tra comici, intellettuali e gente comune. Che aiuta ad allungare la vita”. La giornalista riporta una teoria d’oltreoceano, della ricercatrice Katie Watson della Northwestern University dell’Illinois, secondo cui ridere anche della morte allunga la vita. “Lo sa bene – scrive Chiara Miccoli – lo scrittore Raimondo Moncada che risolve la polemica tra i sostenitori delle tradizioni locali e i fautori delle nuove tendenze con un sorriso. In ‘Ti tocca anche se ti tocchi’ costruisce un’esilarante satira su un evento che coinvolge indistintamente tutti, descrivendo in toni ironici e talvolta sarcastici il prima, durante e dopo delle onoranze funebri. Vuoi per goffaggine, vuoi per ipocrisia, di concetti ‘morti’ ed espressioni talmente ‘infelici’ da suscitare un’irrefrenabile ilarità, durante i funerali se ne sentonoin quantità, e lo scrittore agrigentino non se ne lascia sfuggire uno. Cosa c’è di più comico del dire ai familiari di una persona morta per il diabete: ‘Che vita amara che ha avuto?’ oppure ‘ Quanto ci mancherà la sua dolcezza!’”.
Nelle stesse pagine si parla di Giovanni Verga, di Rosario Fiorello, delle scrittrici Elvira Seminara e Dorothy Parker, del comico Sasà Selvaggio. L'elenco potrebbe proseguire con altri straordinari autori umoristici come Lino Giusti e Antonio Di Stefano con il libro "L'ultimo chiuda la morta".    

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...